domenica 27 dicembre 2009

NADALE



Gesù Bambin, te si paron del sole,
xè tue le stele, el fogo e tuto el resto.
Ma, dime un fià, parchè te ghe volesto
nasser onco, che non ghè rose e viole?

Voria donarte fiuri e non se pole;
ma scominsio a capir che xe par questo
ca te sì qua: te vo' insegnarme presto
che l' omo no pol fare quel ch' el vole.

Pecà, parchè, se te nasevi in majo,
fiuri t' in gavaria portà on careto.
He si, come omo- scusa el me corajo-

te si sta sfortunà fin da toseto.

Ma insieme con la paja e col forajo
to' valà, ciapa almanco sto sonetto.

4 commenti:

aless.erre ha detto...

Che carino questo sonetto!!!
Ci sta' una meraviglia!!!!
Kisses.

Teodo ha detto...

Recitarla ok ma scriverla in dialetto mi sembra difficile.
Sei stata proprio brava.
ciao ciao

TSAN ha detto...

Grazie, da quando sono morti i miei nonni e il mio papà non ho più occasione di sentir parlar questo dialetto... leggerlo poi... mi ha piacevolmente emozionato!!!!Tiziana piemontese di nascita ma con nonni e papà veneti doc.

Claudia ha detto...

Scusa ma io non ho capito nulla, non puoi pubblicare anche la traduzione? Mio papà è di Napoli e mia mamma di Piacenza. Sono fuori zona :-)
Ciao
Claudia

contatore stagioni

Pasqua